L’IMA intensifica la collaborazione con NUM

Con il rinnovo a livello contrattuale della loro collaborazione, IMA e NUM portano avanti una storia fatta di successi – al servizio di clienti che operano nel settore della lavorazione del legno.

Da più di 50 anni, le innovazioni sempre coerenti e le tecnologie all’avanguardia rendono la IMA Klessmann GmbH un partner importante dell’industria di lavorazione del legno.

L’azienda con sede a Lübbecke, a una buona ora di viaggio da Hannover, ha al suo attivo in tutto il mondo ca. 850 dipendenti ed è presente in più di 60 Paesi. Il forte orientamento alle esigenze dei clienti, la flessibilità delle macchine e alcuni brevetti sono alla base del successo di questa azienda, per la quale NUM rappresenta da molti anni un solido partner. La pluriennale cooperazione tra IMA e NUM e la fiducia reciproca sono state confermate dalla stipula di un contratto di collaborazione della durata di due anni, sottoscritto in occasione della fiera Ligna 2007 di Hannover. “Quando abbiamo appreso dell’uscita di NUM dal Gruppo Schneider, non eravamo sicuri se questo avrebbe costituito un aspetto positivo per la nostra azienda e i nostri clienti. Abbiamo considerato alcune alternative, ma contemporaneamente seguito gli sviluppi di NUM.” spiega Dieter Dresler, team leader del settore “Acquisti”. “NUM si è evoluta in modo estremamente positivo ed è per noi oggi, più che mai, un partner importante data la sua professionalità.”

Entrambe le aziende si aspettano molto da questa unione strategica. I vantaggi economici costituiscono un elemento molto importante. In concomitanza con la stipula del contratto, alcuni rappresentati dell’IMA hanno visitato gli stabilimenti produttivi NUM di Cuggiono, presso Milano. Ordine, estrema organizzazione e flessibilità: le reazioni da parte dell’IMA sono state positive: “Ci ha sorpreso constatare come numerose nostre richieste e suggerimenti fossero già stati implementati o fossero in fase di realizzazione”, conferma Jörg Böhnke, responsabile del reparto “Acquisti materiale”. A ciò si aggiunge inoltre la bassissima percentuale di guasti o errori del sistema CNC e degli azionamenti, nonché i tempi di riapprovvigionamento minori concordati in sede contrattuale.

Altrettanto importante è l’intensificarsi dell’attuale collaborazione tecnica delle due aziende. Le soluzioni ai problemi e le attività legate a specifici progetti vengono da tempo svolte in maniera congiunta o solo da NUM. Alcuni esempi sono l’interpolazione degli assi di una macchina profilatrice o l’integrazione di un ciclo di misurazione/tastatura per l’adattamento automatico delle fresature in funzione dei pezzi. “Ci aspettiamo nuovi stimoli e risultati nel campo dell’innovazione e delle tecnologie, e l’ulteriore sviluppo in comune di nuovi aspetti. Il nuovo e più potente CNC NUM rappresenta sicuramente un elemento centrale a riguardo” specifica Günter Redeker, responsabile del reparto “Sviluppo”. Il contratto di cooperazione con l’IMA testimonia la lunga tradizione di NUM nel settore della lavorazione del legno.